Staff

Semina un'idea e raccoglierai un'azione!
In questa sezione vi presenterò le persone che collaborano ai miei progetti, senza di loro tutto il fiorire di questi germogli non esisterebbe.


Franca

Considero il cibo, il buon cibo sono, il più potente ed immediato mezzo di comunicazione esistente.

Sono nata e vissuta in una famiglia di guardiacaccia, a contatto con gli alberi e gli animali. Mio nonno e mio papà mi hanno insegnato la natura nel modo più antico e più semplice: l'esperienza in prima persona. Mi hanno impartito alcune tra le lezioni più importanti nella vita: il rispetto, l'umiltà e lo stupore. Ho imparato che in ogni luogo siamo ospiti e non padroni. Ho imparato e metabolizzato il senso estetico stando all'aria aperta, la bellezza di alcuni suoni, la contemplazione del mistero e la straordinaria dinamicità della ricerca della perfezione in natura.
Le stagioni con i loro cicli mi hanno forgiato e maturato, sono a metà strada dal compiere me stessa, 94 stagioni potrebbero bastare per questo giro di giostra. 
Sono una persona che crede nelle cose sacre dell'esistenza: le Relazioni tra gli esseri viventi, Madre Terra e la Natura in ogni sua manifestazione di Vita.

Adoro i lupi, splendidi animali sociali dotati di abilità, forza, intelligenza, lealtà, coraggio, costanza, grazia e bellezza. Adoro il branco e la convivialità tanto da averne fatto la mia maggiore occupazione da più di 20 anni. Considero il cibo, il buon cibo sano, il più potente ed immediato mezzo di comunicazione esistente. Cura, dedizione, armonia e sperimentazione sono ingredienti miracolosi.
Adoro il ritmo lento e preciso della natura: ogni cambiamento naturale ha bisogno di tempo per rivelare la sua bellezza. Adoro l'alba ed il cambio di guardia degli animali di quell'ora: qualcosa di davvero affascinante. Gufi che cercano rami per posarsi e confondersi con le cortecce. Furbe civette che si attardano per cacciare qualche topolino che esce dalla tana.. Gufi e civette, simboli cari ad Atena, dea della saggezza. Animali splendidamente creati per muoversi nell'oscurità, dotati di particolari piumaggi (le barbe) capaci di silenziare il volo ... che meraviglie della natura!

Non ho alcuna pretesa di insegnare niente a nessuno: solo poter condividere umilmente la conoscenza acquisita.
La differenza tra il conoscere e il sapere: il sapere viene dai libri, da ciò che impariamo a scuola, dalle ricerche di laboratorio e dai dati raccolti. La conoscenza è altro.
Conosciamo quando sperimentiamo sulla nostra pelle, attraverso le sensazioni che ci restituiscono i nostri occhi e attraverso ciò che sappiamo ascoltare. Insomma, conosciamo veramente solo dalla vita vissuta appieno.

Buon divertimento a tutti!

 


Allegato PDF